Richiedi Supporto

Sei gia un nostro cliente e hai bisogno di aiuto?
Compila il form. Ti risponderemo al più presto.







Richiedi una Visita

Vuoi richiedere una visita?
Compila il form. Ti risponderemo al più presto.





L'esperto
consiglia

L’esperto consiglia, una sezione offerta da Udimed
con i consigli dei professionisti del settore Medico.

L'esperto
consiglia

Audiometrista

COME PREVENIRE IL COSIDDETTO MAL D’ORECCHIO “DEL NUOTATORE”?

Dopo un bagno in mare o in piscina, può succedere che l’acqua ristagnata nell’orecchio e il clima caldo e umido, favoriscano un ambiente responsabile della macerazione della pelle e della proliferazione di microrganismi, a loro volta causa di otite esterna.
La prima cosa da fare è evitare, almeno per qualche giorno, di far entrare acqua nell’orecchio e soprattutto rivolgersi ad uno specialista che provvederà a prescrivervi la giusta terapia.
Cosa fare per prevenire l’otite esterna?
E’ fondamentale seguire poche norme igieniche:
– risciacquare con acqua dolce le orecchie dopo il bagno in mare o in piscina e asciugarle bene;
– si consiglia l’utilizzo dei tappi antiacqua tutte le volte che è richiesta una maggiore protezione del canale auricolare;
– evitare l’utilizzo dei cotton fioc, che alterano la naturale presenza di batteri lungo il condotto uditivo, con funzioni protettive.

Con queste semplici precauzioni, potrete godervi appieno la vostra estate al mare!!!

Dott.ssa Jessica Ramirez Audiometrista presso UDIMED

 

Audioprotesista

PRATICHI ASSIDUAMENTE SPORT ACQUATICI O FREQUENTI IL MARE O LA PISCINA E VUOI PROTEGGERE LE TUE ORECCHIE?

Allora un tappo antiacqua può esserti utile. Sono pensati per coloro che in acqua vogliono evitare problemi di otiti e infezioni sia per adulti che in bambini. Utili soprattutto in presenza di perforazioni timpaniche, dove è sconsigliato il contatto con l’acqua, o semplicemente per proteggere l’orecchio durante la doccia e dalla permanenza eccessiva in acqua. Se invece durante il windsurf o il kite-surf è necessario proteggere l’orecchio da brusche cadute, allora i tappi antiacqua fanno al caso vostro. I nostri acquastop sono realizzati in morbido silicone anallergico galleggiante realizzati su misura rilevando l’impronta dell’orecchio ed in vari colori. Vengono forniti con un cordino che li unisce per evitare di perderli ed una pratica custodia.
Per ulteriori informazioni contatta i nostri uffici o il numero verde 800 771680.

Dott. Gaetano Leone Audioprotesista presso UDIMED

 

BACK TO SCHOOL!

Si ritorna a scuola… gioia e dolori per tutti gli alunni dopo la pausa estiva. Andare a mare di solito porta giovamento a tutti i piccoli che hanno frequenti otiti nel periodo invernale, perciò è bene fare un controllo audiometrico per quanti sono in età scolare al fine di valutarne gli effetti. Mentre per tutti i giovani utenti di apparecchi acustici ora è il periodo ideale per fare un controllo funzionale ed essere sicuri di affrontare la scuola in piena efficienza. Per i nostri piccoli pazienti che accedono alla scuola primaria è opportuno prendere in considerazione col proprio medico otorino, logopedista o insegnante se esiste l’indicazione a dotare il piccolo dell’ausilio di un sistema FM. Esso è un dispositivo formato da un microfono indossato dall’insegnante o dal terapista del linguaggio che trasmette la voce direttamente agli apparecchi acustici dotati di uno specifico ricevitore. Riduce l’effetto avverso di riverbero, rumore, lontananza e feedback e consente di ricevere una voce più chiara accelerando l’apprendimento del linguaggio. Recenti studi hanno dimostrato l’efficacia anche nei disturbi specifici di apprendimento, deficit dell’attenzione e iperattività. Per l’acquisto è previsto un contributo asl. Potete chiedere ogni utile informazione presso i nostri centri oppure fare un controllo elettroacustico per accertarsi della piena funzionalità del dispositivo, valutare l’eventuale sostituzione del tubicino, e se è il caso rinnovare gli auricolari o procedere con un consulto medico.

Dott. Gaetano Leone Audioprotesista presso UDIMED

 

PAROLA D’ORDINE: PREVENZIONE

Recita un noto detto della medicina che prevenire è meglio che curare, ed è vero anche per l’organo dell’udito. La vita odierna ci espone al rumore molto più che nel passato e questo può nuocere. Il problema è stato preso in carico anche dall’OMS che ha deciso di istituire una giornata mondiale per l’udito. La diffusione soprattutto tra i giovani dell’uso di cuffie e auricolari insieme alla frequentazione talvolta anche quotidiana di locali notturni e discoteche aumenta considerevolmente la “dose” di rumore assorbita. Chi infatti dopo una serata in discoteca o un concerto è tornato a casa in compagnia di un fischio nelle orecchie sa bene che questo è un sintomo che ci avvisa che abbiamo “stancato” il nostro udito. L’acufene è infatti il primo segno di sofferenza dell’udito e di solito dopo una notte di riposo scompare; ma se l’esposizione al rumore forte continua per più ore al giorno, può portare anche ad ipoacusie irreversibili. Perciò, nel dubbio, un esame audiometrico è un test utile per sapere se il nostro udito è integro. Ma l’inquinamento acustico non è l’unica fonte di ipoacusia, vi sono infatti malattie come morbillo, parotite, meningite, rosolia o le complicazioni da parto che in età infantile possono condurre a vari gradi di sordità soprattutto nei paesi del terzo mondo, oppure, le sordità genetiche, l‘uso di farmaci ototossici, o semplicemente una senescenza fisiologica dell’udito chiamata presbiacusia. Perciò Udimed in tutto il Salento da oltre vent’anni è al fianco dei propri assistiti nel promuovere l’uso di protettori auricolari per ambienti rumorosi personalizzati e costruiti su misura per prevenire l’ipoacusia. Se invece vi è stata diagnosticata una ipoacusia che non è trattabile con farmaci o chirurgicamente e l’unica terapia è un apparecchio acustico, rivolgetevi con fiducia ad uno dei nostri centri impegnati quotidianamente ad alleviare le conseguenze che la sordità produce se non trattata. E anche questo è prevenzione.

Dott. Gaetano Leone Audioprotesista presso UDIMED